Vai al men¨ principale Vai al men¨ secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Istituto Comprensivo S.P. Damiano (RA)
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE
"S.P. DAMIANO"
Via Luigi Cilla, 8 - 48121 Ravenna (RA) - Tel 0544 30324 - Fax 0544 216048
E-mail: RAIC824004@istruzione.it - PEC: RAIC824004@pec.istruzione.it
Istituto Comprensivo S.P. Damiano (RA)
Istituto Comprensivo S.P. Damiano (RA)
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE
"S.P. DAMIANO"
BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Bes: definizione

La sigla BES sta per Bisogni Educativi Speciali e si riferisce a particolari esigenze educative che possono avere determinati alunni anche solo per un periodo di tempo limitato.

Queste esigenze possono dipendere da «motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta» (Direttiva Ministeriale del 27.12.2012).

Bes: normativa di riferimento

La normativa Bes di riferimento è la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e le successive circolari ministeriali. Tale direttiva ha lo scopo di tutelare gli alunni con Bisogni Educativi Speciali garantendo loro il diritto di accedere a un apprendimento personalizzato, come previsto dalla Legge 53/2003.

Il fine è dunque quello di permettere ai ragazzi di svolgere le attività didattiche secondo le modalità e i tempi a loro più consoni.

La Circolare Ministeriale n.8 del 6 marzo 2013, prot. n.561, avente come oggetto «Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”. Indicazioni operative», prevede l’applicazione della normativa dedicata ai ragazzi con Dsa (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) anche a tutti gli alunni con Bes.

LINK normativa

Bes: le categorie dei Bisogni Educativi Speciali

Quello dei Bes rappresenta un grande cappello che riassume tre categorie principali:

  • disabilità (tutelata dalla Legge 104/92)
  • disturbi evolutivi specifici (tra i quali i DSA, tutelati dalla L.170/2010, e per la comune origine evolutiva anche ADHD)
  • svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale.

Alle tre categorie sopraindicate si aggiunge un quarto punto in cui rientrano altri disturbi non chiaramente illustrati nella normativa, che comprendono i disturbi dell’apprendimento non specifici, i disturbi dell’umore, i disturbi d’ansia, gli alunni plusdotati intellettivamente che possono rientrare nei Bisogni Educativi Speciali.

 

 



DISABILITA' CERTIFICATADISABILITA' CERTIFICATA
 
Inclusione e nuovo PEI
Data di pubblicazione: 18/06/2021
 
DSADSA
 
certificazione AID scuola
Data di pubblicazione: 31/03/2020
 
Permalink: BISOGNI EDUCATIVI SPECIALITag: BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI
Visualizzazioni: 3328Categoria pubblica

 Feed RSS
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2021 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 624
N. visitatori: 3258644